Donald Trump: dal proletariato, per il proletariato

Imperatore che va, Imperatore che viene, si potrebbe dire… Per un Barack Obama che lascia la presidenza USA con una eredità terribile e catastrofica per l’umanità intera (si vedano al riguardo primo e secondo articolo di questo blog), vi è un palazzinaro inquisito (non so se vi ricorda qualcuno…) già possessore di un impero (privato), tale Donald Trump, che sta per prendere il suo posto sotto i peggiori auspici.

E così, mentre – come ho già avuto modo di twittare – Human Rights Watch perde tempo indirizzando ad Obama lettere aperte che leggeranno tutti tranne il menefreghista destinatario, Trump scalda i motori e getta le basi (non quelle militari, purtroppo) per una presidenza indimenticabile, in special modo per lui, il suo clan ed il suo ceto sociale d’appartenenza. Significativa, al riguardo, la nomina a Segretario dell’Istruzione di Betsy DeVos, miliardaria, filantropa (sedicente of course), sposata con Dick DeVos (erede del gigante degli integratori Amway) e grande sponsor delle scuole private e dei cosiddetti vouchers, strumento da finanziare dirottando su di esso i finanziamenti destinati alle scuole pubbliche. Diciamo che un sistema dell’istruzione elitario come quello statunitense di tutto aveva bisogno tranne che di una Betsy DeVos, la quale sta ora raccogliendo i frutti di una vita di “sacrifici”: secondo Forbes, è infatti una donatrice di rango milionario del Partito Repubblicano.

Trump ha poi nominato come futuro capo della CIA Mike Pompeo, membro del Tea Party e della National Rifle Association con interessi nel ramo petrolifero. Con questi presupposti credo che di pace in Medio Oriente ne vedremo ben poca (si è già detto contrario all’accordo sul nucleare con l’Iran), ma anche per il resto del mondo non andrà meglio, visto che Pompeo è un supporter dei programmi di sorveglianza di massa della NSA, oltre che dell’idea che Edward Snowden andrebbe condannato a morte.

trump-e-briatore

AMICIZIE DI CLASSE

Per aumentare la sua credibilità negli ambienti sovversivi ed anti-establishment, il neo-Imperatore ha poi nominato il banchiere Steven Mnuchin al Tesoro e l’uomo d’affari Steve Bannon come suo stratega e consigliere capo, entrambi ex di Goldman Sachs, ed ha destinato ai Trasporti Elaine Chao, già al servizio dell’amministrazione guidata da George W. Bush e con una famiglia di pezzenti alle spalle, talmente povera da poter elargire donazioni milionarie alla privata Harvard Business School. Quando fu a capo del Dipartimento del Lavoro, la signora ridusse le ispezioni nei luoghi lavorativi e 12 persone trovarono la morte in due miniere, una delle quali era di proprietà del miliardario Wilbur Ross, ora nominato da Trump Segretario al Commercio. Quando si dice che NULLA AVVIENE PER CASO e TUTTO SI TIENE…

Ancor prima di vederlo concretamente all’opera, Trump può quindi già essere cestinato. Da queste prime mosse è infatti chiaro che in campagna elettorale ha solo raccontato bugie e, grazie ad esse, è riuscito ad affabulare la platea nazionale e non solo. Spiace che alle panzane di questo pifferaio con modi da sbruffone abbiano abboccato anche persone intelligenti, che si spera rinsaviscano quanto prima. Occorre infatti far fronte a questa nuova tegola prodotta dal sistema bipartitico made in USA.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...