Gang-stalking ad alta quota

Genera solo sconcerto ormai la facilità con la quale, nella nostre società malate, soggetti fisici e giuridici, pubblici e privati, si lasciano corrompere – in senso lato – a fini di arricchimento (o comunque beneficio) personale, senza la benché minima capacità di fermarsi e interrogare sé stessi sul significato delle proprie azioni, spesso scellerate. Il livello di corruzione morale presente è propedeutico al successivo innesco della corruzione materiale, concreta, che si pesa in “benefits trasferiti“. Tali benefici sono il principale motore, ad esempio, anche nelle operazioni di gang-stalking e in tutte quelle attività di copertura delle stesse. Ponendosi, per un attimo, nella posizione di un potenziale stalker, lo stesso sicuramente si chiederà e si risponderà: “Per cosa lo farei? Per soldi (o giù di lì)!”. E’ con la ricompensa che schiodi la gente da casa o comunque da altre occupazioni. In alcuni casi potranno incidere anche altri fattori di carattere immateriale, ma – diciamolo – è difficile che qualcuno impieghi del tempo o assuma su di sé dei rischi esclusivamente per motivi “idealistici”, perché ci crede fermamente, perché mosso solo da cattiveria, ecc.

Giustizia vorrebbe però (se il termine ha ancora un senso) che anche le vittime di queste infami operazioni iniziassero a ricevere qualche benefit a titolo di risarcimento e ristoro per le sofferenze patite, magari per futili motivi e per lunghi periodi della propria vita. Se investigatori e giudici iniziassero a fare il loro mestiere, una vittima di stalking organizzato potrebbe iniziare ad aggredire le disponibilità finanziarie di soggetti che, ad esempio, oltre ad aver vestito i panni dei carnefici (o dei Ponzio Pilato), hanno – con essa – stipulato dei contratti; documenti spesso farciti di belle parole e nobili intenzioni, che spesso restano solo sulla carta e alle quali – in caso di piccole inadempienze – quasi nessuno si appiglia, per evitare perdite di tempo e di denaro. Il presente articolo, però, non tratta proprio di quisquilie… Ovviamente ogni singolo caso va attentamente studiato, ma l’idea di fondo non è peregrina. In fatto di gang-stalking, lo scorso mese di ottobre chi scrive ha avuto un’esperienza decisamente negativa con il vettore aereo easyJet (e non solo – come contorno alla vicenda vedasi questo video e relativa descrizione), ben riassunta nel reclamo da me inviato in data 26/10/2017 a mezzo form di contatto presente sul sito della compagnia:

Faccio seguito al mio reclamo effettuato e registrato in data 13/10/2017 al vs. banco di assistenza presso l’aeroporto di Amsterdam e al mio tweet inviatovi il giorno successivo.

Dal 2012 sono una vittima di stalking organizzato (e non solo) e sul volo EZY4565 Berlino Schoenefeld – Amsterdam del 13/10/2017 ho dovuto constatare con mio estremo rammarico che il vs. personale di bordo prende parte a tali operazioni, che a norma dell’art. 7 dello Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale vengono classificate come Crimini Contro l’Umanità.

Come ho avuto già modo di spiegare alla vs. collega al banco per l’assistenza, tre donne (a me ignote) della vs. crew hanno dato prova di conoscere il mio nome e fin dal momento in cui sono salito a bordo hanno iniziato a molestarmi e a minacciarmi di morte (anche durante la procedura con la quale vengono fornite informazioni sulla sicurezza durante il volo). Si tratta di forme di violenza che non vengono notate dagli altri poiché nulla di ciò che viene detto viene gridato, piuttosto sussurrato e – in alcuni casi – esplicitato esclusivamente per mezzo del movimento labiale. Ciò che le tre donne hanno più volte detto sono, oltre al mio nome di battesimo, le parole “muori” e “morirai”, pronunciate anche da altri stalkers. A differenza di quanto avvenuto il giorno prima sul volo […], i loro nomi e nazionalità, presenti sulle spillette usate dal vs. personale di bordo, erano stati di proposito coperti con foulards e giacche.

Ho volato molte volte con easyJet in passato e con la prenotazione […] ho speso […] euro per me e due membri della mia famiglia. In considerazione di quanto immediatamente denunciato, mi sarei aspettato di essere da voi prontamente ricontattato. Constato invece che dopo quasi due settimane non vi siete fatti sentire e ciò è un chiaro segno di complicità; altrimenti avreste subito preso le distanze da quanto commesso dalle vs. colleghe, che è – senza ombra di dubbio – molto grave.

Hostess

Il giorno dopo ho ricevuto dal Servizio Clienti un’email interlocutoria, nella quale – tra l’altro – il mio nome di battesimo era sbagliato. Probabilmente l’operatrice che l’ha scritta voleva comunicarmi in maniera subliminale che non mi conosceva affatto ed era estranea ai fatti contestati! Da subito ho però capito che, in questa vicenda, la compagnia non ha una gran voglia di interloquire e andare fino in fondo e, dato che i contatti stavano venendo meno, ieri sono tornato alla carica con un nuovo reclamo:

Faccio seguito al reclamo inviatovi in data 26/10/2017 a mezzo form di contatto e alla mie due email di sollecito e richiesta di riscontro inviatevi il 29/10/2017 ed il 6/11/2017 all’indirizzo team.specialisti@easyjet.com. A parte la risposta interlocutoria inviatami in data 27/10/2017 dalla sig.ra […] del Servizio Clenti, con la quale mi informava dell’inoltro del mio reclamo al dipartimento competente (n. pratica: […] – reference ID: […]), non ho più avuto notizie al riguardo.

Vi ricordo che dell’allarmante vicenda di cui sono stato vittima siete informati da un mese esatto, avendo sporto reclamo nel momento stesso in cui sono giunto all’aeroporto di destinazione presso il vs. desk per l’assistenza.

Attendo pertanto cortese e sollecito riscontro.

A riprova del fatto che non ero assolutamente prevenuto nei confronti di easyJet e non ho nulla contro le donne, faccio notare che il giorno precedente quello in cui si sono verificati gli eventi oggetto dei miei reclami ho provveduto ad informare la compagnia di un altro evento sgradevole, che in quel caso ha avuto come autore uno degli stalkers che mi assaltavano ripetutamente nell’aeroporto di Zurigo e come vittima una donna che lavorava per easyJet ai banchi del check-in. A mo’ di ringraziamento, ora il celebre vettore aereo mi ignora…

Vite illegali sulla rotta Centro America-USA

Nel tardo pomeriggio di ieri, a Monaco di Baviera, presso il Ligsalz8, ho preso parte ad un incontro pubblico organizzato dall’Oekumenisches Buero fuer Frieden und Gerechtigkeit dal titolo “Ninguna vida es ilegal“, che ha avuto come relatori due attivisti centroamericani per i diritti dei migranti, Angela Sanbrano e Luis Lopez. La prima è nata a Ciudad Juarez, in Messico, ma vive ormai da lungo tempo negli Stati Uniti, dove è stata attiva in diverse organizzazioni e reti per la difesa dei migranti come il CISPES (Committee in Solidarity with the People of El Salvador) e il CARECEN (Central American Resource Center) ed ha preso parte all’organizzazione della imponente immigrant rights march tenutasi a Los Angeles nel 2006. Luis Lopez è invece membro del COFAMIDE (Comité de Familiares de Migrantes Fallecidos y Desaparecidos de El Salvador) e dal 2009 prende parte a carovane di parenti dei migranti scomparsi in Messico.

Angela_Sanbrano_e_Luis_Lopez_-_06112017[1]

Appena arrivato sono stato attaccato alla testa per mezzo di armi ad energia diretta e sedato a distanza. Fortunatamente sono riuscito a resistere agli attacchi (che vengono puntualmente messi in atto ogni volta che prendo parte ad eventi simili), dato che l’incontro si è poi rivelato molto interessante e ricco di spunti di riflessione. La mia intenzione di arricchire ulteriormente il blog è stata più forte di quelle di coloro i quali cercano deliberatamente di arrecar danno alla mia salute ed isolarmi. Se lo ritieni opportuno, ora o al termine della lettura puoi anche effettuare una piccola donazione a mio favore cliccando qui.

Angela Sanbrano ha subito messo in evidenza l’ostilità di Donald Trump nei confronti dei migranti provenienti dal Centro America e stabilitisi negli USA ed il fatto che il linguaggio dell’Imperatore ha fornito a razzisti e suprematisti bianchi il nulla osta al compimento di crimini a sfondo xenofobo. Al riguardo ha però intelligentemente aggiunto che il livore manifestato dall’attuale amministrazione si è innestato su una situazione già di per sé infelice, visto che Barack Obama, nel tentativo di scendere a patti con i repubblicani, è stato il presidente statunitense che, rispetto ai suoi predecessori, ha espulso più migranti. Quanto occorre stare attenti a coloro i quali si dimostrano animati da spirito bipartisan! L’annotazione su Obama non mi ha naturalmente colto di sorpresa, avendo già scritto più di un anno fa della violenza poliziesca e del razzismo istituzionale nei confronti delle minoranze presenti negli USA ai tempi dell’ormai ex Imperatore. Il suo successore ora promette di espellere 11 milioni di immigrati undocumented, cioè “clandestini”. Nel frattempo sono già realtà i 637 “centri di accoglienza” per migranti con caratteristiche di vere e proprie prigioni, all’interno dei quali sono detenute oltre 300.000 persone. A settembre di quest’anno Trump ha inoltre interrotto la policy di regolarizzazione temporanea per minori ispirata al cosiddetto DACA (Deferred Action for Childhood Arrivals), esponendo ai rischi di una possibile espulsione circa 800.000 beneficiari. Potremmo dire che i Dreamers sono in preda agli incubi… L’amministrazione a stelle e strisce è anche intenzionata a non rinnovare il TPS (Temporary Protected Status) per gli immigrati provenienti dal Centro America. I migranti sono praticamente tra incudine e martello, poiché a questa politica fatta di odio e respingimenti da parte del Paese di destinazione vanno aggiunte le motivazioni per le quali hanno lasciato i loro Paesi di origine: oltre a pessime condizioni economiche, guerre civili, terremoti, uragani (è stato ad esempio ricordato Mitch, che ha colpito il Centro America nel 1998) e fenomeni di criminalità made in USA come le famigerate pandillas.

Luis Lopez ha informato il pubblico su scopi e attività della sua organizzazione, che chiede sostanzialmente rispetto dei diritti dei migranti e verità, giustizia e riparazioni per le loro famiglie. A queste ultime le cosiddette autorità non portano affatto il rispetto che sarebbe dovuto per le vere e proprie tragedie che vivono. E’ così accaduto che, invece delle spoglie dei propri cari, venissero loro restituiti dei sacchi di sabbia o comunque parti di corpi di estranei. Al fine di agevolare i processi di identificazione dei migranti tra i resti umani presenti in Messico e negli Stati Uniti, nell’agosto del 2010 COFAMIDE ha firmato un accordo con controparti istituzionali e non per la creazione della prima Banca Genetica Forense. Sono purtroppo ancora numerose le fosse comuni contenenti resti di migranti che non sono state localizzate. Tristemente noto al riguardo, invece, è il massacro di Tamaulipas, in Messico, che nel 2010 vide l’esecuzione di massa di 72 persone ad opera del cartello della droga dei Los Zetas. COFAMIDE cerca anche di esercitare pressioni su politici e istituzioni affinché questi vengano incontro alle richieste delle famiglie dei migranti, ma le promesse che scaturiscono da tale attività di advocacy spesso non vengono mantenute. Una storia sentita già tante, troppe volte…