5G: a chi giova?

Anche sul tema del 5G i media mainstream continuano a fare propaganda sulla nostra pelle. Chiunque segua i principali organi di (dis)informazione nazionali ed esteri avrà notato che della tecnologia in questione si parla solo (o quasi esclusivamente) in quanto motivo di conflitto tra USA e Cina. La rappresentazione in termini esclusivamente commerciali di questa guerra che ha al centro il colosso Huawei è figlia del consumismo imperante a livello mondiale e occulta quelle verità più scomode che invece andrebbero quanto prima disvelate se si ha a cuore il proprio destino, quello dell’intero genere umano, del pianeta sul quale viviamo e della possibilità che un giorno si affermi finalmente la pace tra i popoli.

La NATO, ad esempio, quell’alleanza militare che qualcuno inizia a dare per morta, sembra in realtà sicura di vivere ancora a lungo visto il suo interesse per il 5G, dichiarato – nero su bianco – in occasione del recente summit di Londra. Il motivo è presto detto: come ha scritto Manlio Dinucci sul Manifesto, “le più importanti applicazioni del 5G saranno realizzate non in campo civile ma in campo militare. Così, il Pentagono potrà utilizzarlo (a costi minori rispetto a quelli che si sarebbero sostenuti se fosse stato progettato a soli fini militari) per impiegare armi ipersoniche o sistemi di difesa contro l’uso di tali armi e per facilitare le comunicazioni tra reparti o singoli soldati nella battle network. Ne beneficeranno pure servizi segreti e corpi speciali, i cui sistemi di controllo e spionaggio diverranno più efficaci. I finanziamenti alla guerra del futuro saranno anche indiretti e proverranno – in quest’ultimo caso – dalle tasche degli acquirenti di smartphone 5G (e qui ritorna l’importanza del consumismo per le élites dominanti).

Stop 5G

Importanti ricadute sull’ambiente e la qualità della vita di ciascuno di noi sono tuttavia già riscontrabili. Gli spazi verdi delle nostre città, ad esempio, sono a rischio da quando – e vengo specificamente all’Italiaalcuni sindaci hanno iniziato a spingere sull’acceleratore per avviare forme di sperimentazione (ovviamente non dichiarata) della tecnologia 5G. L’abbattimento sempre più frequente di molti alberi viene goffamente giustificato dalle amministrazioni comunali con inverosimili problemi di sicurezza e confinato dai media mainstream nelle pagine della cronaca locale, impedendo così all’opinione pubblica di prendere coscienza del problema ed “unire i puntini”. Mi farebbe sinceramente piacere se un grande movimento come Fridays For Future, partecipato da tanti giovani che manifestano a favore dell’ambiente e con l’intento di salvare il pianeta, fosse meno silente di quanto lo è stato sinora su un tema come quello del 5G…

Trovo invece lodevole e quindi degna di nota l’importante iniziativa di un’associazione, il Coordinamento nazionale Nuove Antenne (CO.N.N.A.), che ha inviato una lettera a firma del suo presidente, Mario Albanesi, a tutti i sindaci d’Italia, invitandoli a vestire i panni di difensori dei cittadini dei loro comuni e mettendoli in guardia dai rischi socio-economici, per la salute e di produzione di nuovi rifiuti cui andremmo incontro qualora il 5G non venisse fermato. Posto pertanto qui, in maniera quasi integrale, il testo della lettera.

[…] E’ in atto, dopo l’imposizione del fallimentare “digitale terrestre” un tentativo di dar luogo ad un terremoto nelle comunicazioni con l’adozione del 5G, affatto necessario al Paese, bisognoso di ben altri provvedimenti, ma funzionale solo agli affari delle grandi compagnie telefoniche multinazionali e a rafforzare ulteriormente il mainstream delle tre aziende nazionali televisive.

Oltre all’enorme sperpero di denaro avvenuto già una volta trasformando da un giorno all’altro l’intero parco ricevitori tv nazionale in rottami inquinanti a causa dell’adozione del digitale in alternativa all’analogico, l’attuale sistema 5G, oltre a prevedere la sostituzione di cellulari e smartphone, si vale dell’uso di frequenze altissime simili a quelle del mostruoso MUOS di Niscemi (Catania) che sono di sospetta nocività per la salute del genere umano. Non solo. Per consentire alle compagnie telefoniche di sfruttare questo nuovo business (tanto reclamizzato negli spot pubblicitari con un’enfasi esagerata), il governo imporrà entro due anni una seconda totale sostituzione dei televisori, mandando al macero quelli attualmente in uso, [..] decoder, antenne di ricezione e connessi.

Ai sindaci quindi, il compito di difendere i loro cittadini esercitando le dovute pressioni sul mondo politico volte ad una moratoria in direzione di sistemi di finta avanguardia tecnologica, favorendo manifestazioni, associazioni, gruppi ecologisti o altro decisi ad opporsi all’ennesima violenza ai danni dell’intera popolazione nazionale. Una delle più gravi.

Il nostro Coordinamento nazionale Nuove Antenne (CONNA), rigorosamente non profit, con il suo periodico mensile al suo 35° anno dalla sua fondazione […], forte della sua esperienza in campo radioelettrico è a disposizione come possibile punto di raccordo e di informazione.

Saranno gradite opinioni sull’argomento all’indirizzo info@conna.it. […]

Tutta la scienza è parassitaria

Parassitariamente, ribloggo.

Pulgarías

macchina_volante

Di Kevin Carson. Originale pubblicato su Center for a Stateless Society il primo febbraio 2016 con il titolo Je Suis #ResearchParasite. Traduzione di Enrico Sanna.

In un editoriale pubblicato sul New England Journal of Medicine (“Data Sharing,” 21 gennaio), Dan Longo e Jeffrey Drazen inventano un nuovo curioso termine: “parassita della ricerca”. Gli autori in teoria dicono: Condividere le informazioni è bello. Ma all’atto pratico è una di quelle cose che, buone in teoria, nella realtà non vanno bene. “Il timore principale è che qualcuno che non contribuisce alla produzione e alla raccolta delle conoscenze possa non capire le scelte fatte nel definire i parametri.”

View original post 708 altre parole