Gang-stalking: insabbiare è d’obbligo, non assistere pure

Il 16 luglio scorso ho informato – ai suoi più alti livelli (tra i destinatari anche il gabinetto del ministro Matteo Salvini) e per iscritto – il Viminale sulle operazioni di gang-stalking di cui sono vittima io e con me tanti altri cittadini, chiedendo provvedimenti atti a consentire alla Polizia italiana di assistere efficacemente i Targeted Individuals. Due giorni prima si era verificato l’ennesimo caso di “malapolizia” ai miei danni, che doveva necessariamente – data l’occasione – essere portato a conoscenza del ministero:

“Sabato 14 intorno alle 21:15 ho chiamato la Polizia di Frontiera dell’Aeroporto di Alghero-Fertilia allo 079935044 per chiedere delle informazioni. In particolare, all’agente (uomo) che ha risposto alla mia chiamata ho chiesto a quale autorità andrebbero denunciati eventuali casi di stalking che si dovessero verificare a bordo dell’aereo che tra qualche giorno mi dovrà portare in quella località. L’agente mi ha risposto che le denunce per fattispecie del genere vanno presentate alla Polizia di Frontiera dalle 9 alle 12 del mattino oppure, in alternativa, al Commissariato di Polizia di Alghero a qualsiasi ora.

Ciò che vorrei portare alla Vs. attenzione è soprattutto il seguente fatto. Una volta che l’agente di polizia ha saputo che sono vittima di stalking organizzato e che lo sono stato già su altri voli presi in passato, ha messo in atto un vero e proprio comportamento discriminatorio, dicendomi con tono liquidatorio “Può andare direttamente ad Alghero, guardi, non c’è problema…”, in tal modo rifiutandosi di prestare eventuale assistenza ad una vittima di Crimini Contro L’Umanità ex art. 7 dello Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale. Da me sollecitato, ha poi stranamente dichiarato di non sapere quali reati andrebbero denunciati ai Carabinieri, che hanno anch’essi un ufficio in aeroporto. L’atteggiamento e le risposte date erano tipiche non solo di colui il quale ha fretta di concludere quanto prima la telefonata, ma anche di colui il quale sa perfettamente di cosa si sta parlando e vuole evitare grane al proprio ufficio: non proprio il miglior modo di servire i cittadini…

Il fatto rappresenta l’ennesima conferma di ciò che sostengono tutte le vittime di reati come lo stalking organizzato ed altri connessi, ossia che questi programmi rappresentano delle vere e proprie Covert Ops che non vengono mai indagate e combattute da forze di polizia (elementi delle quali anzi vi prendono parte) e magistratura inquirente (ne so qualcosa avendo vanamente presentato nel corso degli anni corposi esposti e memorie). Tale atteggiamento, che ha ovunque – non solo in Italia – coperture politiche, rassicura chi è attivo nella (vasta) rete criminale internazionale, della quale fanno parte – ne parlo per esperienza diretta, è bene ricordarlo – anche soggetti appartenenti alle organizzazioni mafiose.”

Al Viminale sembrano però particolarmente occupati con migranti e dintorni e a distanza ormai di un mese e mezzo non hanno fornito il riscontro richiesto alla mia richiesta/segnalazione. Si dimostra, pertanto, vuota propaganda quella fatta da Salvini sui social a colpi di #primagliitaliani o #lamafiamifaschifo. Di più: chi mi segue su Twitter sa che il Ministro dell’Interno era stato da me informato sulla mia situazione ben prima del 16 luglio. Tutto lascia allora supporre che anche per il prossimo futuro alle vittime di gang-stalking verranno ancora negate assistenza e indagini e saranno invece assicurate (istituzionali) discriminazioni.

E’ bene precisare che spostandosi dai vettori aerei alla strada la situazione non cambia. Per quanto mi riguarda, infatti, sono costantemente vittima (anche nelle ore notturne) di assalti condotti da più soggetti alla guida di mezzi anche pesanti, che operano in squadre, fanno sovente uso di fari abbaglianti e antinebbia anche posteriori e hanno stili di guida aggressivi per mezzo dei quali hanno già danneggiato la mia autovettura. Segnalare tempestivamente queste ripetute violazioni del codice della strada, che mettono a repentaglio la mia sicurezza e quella degli altri guidatori sia su strade urbane che extraurbane (autostrade incluse), non è semplice dato che spesso il numero di targa del veicolo non è visibile: per causa di forza maggiore, perché le luci che dovrebbero illuminarlo sono spente oppure perché è parzialmente abraso. Anche in questo caso occorrerebbe fornire una pronta e adeguata assistenza alla vittima, invece dei vari uffici di Polizia Locale da me contattati al riguardo solo alcuni si sono degnati di rispondere e le soluzioni proposte sono decisamente poco praticabili.

20180710_223437[1]

In evidenza assalto condotto per mezzo di  autovettura con retronebbia acceso (il faro più luminoso sulla sinistra) in condizioni di ottima visibilità

Queste vere e proprie pratiche criminali hanno ricadute anche sulla mia salute e benessere, come è ad esempio successo nella notte tra il 25 e il 26 luglio scorso, quando ho affrontato un lungo viaggio in auto per l’Italia e a un certo punto mi sono dovuto fermare a riposare, non perché avessi sonno, ma a causa del dolore agli occhi causato dagli assalti subiti di continuo e per centinaia di chilometri. In quell’occasione, non viaggiando da solo, sono comunque riuscito a prendere alcuni numeri di targa, che ancora una volta confermano il carattere internazionale di queste tanto pericolose quanto protette reti criminali:

  • FK933MH
  • EG095PS
  • ACDX914 (auto con targa tedesca)
  • BBIS166 (auto con targa tedesca)
  • EX409CF (Opel bianca)
  • CR431YX
  • VD148017 (auto con targa svizzera)
  • DB378MA (Volkswagen Golf)
  • EW084PN (camion DHL con abbaglianti e retronebbia accesi in condizioni di ottima visibilità)
  • CY624FC
  • SDM1088 (Volkswagen Polo con targa tedesca)
  • ZH201540 (Toyota con targa svizzera)
  • DW266XN (Fiat Punto)

Quella notte le forze dell’ordine italiane erano presenti sulla rete autostradale (ricordo perfettamente almeno due volanti della polizia ferme ad una stazione di servizio): non hanno notato nulla di strano?

Gang-stalking ad alta quota

Genera solo sconcerto ormai la facilità con la quale, nella nostre società malate, soggetti fisici e giuridici, pubblici e privati, si lasciano corrompere – in senso lato – a fini di arricchimento (o comunque beneficio) personale, senza la benché minima capacità di fermarsi e interrogare sé stessi sul significato delle proprie azioni, spesso scellerate. Il livello di corruzione morale presente è propedeutico al successivo innesco della corruzione materiale, concreta, che si pesa in “benefits trasferiti“. Tali benefici sono il principale motore, ad esempio, anche nelle operazioni di gang-stalking e in tutte quelle attività di copertura delle stesse. Ponendosi, per un attimo, nella posizione di un potenziale stalker, lo stesso sicuramente si chiederà e si risponderà: “Per cosa lo farei? Per soldi (o giù di lì)!”. E’ con la ricompensa che schiodi la gente da casa o comunque da altre occupazioni. In alcuni casi potranno incidere anche altri fattori di carattere immateriale, ma – diciamolo – è difficile che qualcuno impieghi del tempo o assuma su di sé dei rischi esclusivamente per motivi “idealistici”, perché ci crede fermamente, perché mosso solo da cattiveria, ecc.

Giustizia vorrebbe però (se il termine ha ancora un senso) che anche le vittime di queste infami operazioni iniziassero a ricevere qualche benefit a titolo di risarcimento e ristoro per le sofferenze patite, magari per futili motivi e per lunghi periodi della propria vita. Se investigatori e giudici iniziassero a fare il loro mestiere, una vittima di stalking organizzato potrebbe iniziare ad aggredire le disponibilità finanziarie di soggetti che, ad esempio, oltre ad aver vestito i panni dei carnefici (o dei Ponzio Pilato), hanno – con essa – stipulato dei contratti; documenti spesso farciti di belle parole e nobili intenzioni, che spesso restano solo sulla carta e alle quali – in caso di piccole inadempienze – quasi nessuno si appiglia, per evitare perdite di tempo e di denaro. Il presente articolo, però, non tratta proprio di quisquilie… Ovviamente ogni singolo caso va attentamente studiato, ma l’idea di fondo non è peregrina. In fatto di gang-stalking, lo scorso mese di ottobre chi scrive ha avuto un’esperienza decisamente negativa con il vettore aereo easyJet (e non solo – come contorno alla vicenda vedasi questo video e relativa descrizione), ben riassunta nel reclamo da me inviato in data 26/10/2017 a mezzo form di contatto presente sul sito della compagnia:

Faccio seguito al mio reclamo effettuato e registrato in data 13/10/2017 al vs. banco di assistenza presso l’aeroporto di Amsterdam e al mio tweet inviatovi il giorno successivo.

Dal 2012 sono una vittima di stalking organizzato (e non solo) e sul volo EZY4565 Berlino Schoenefeld – Amsterdam del 13/10/2017 ho dovuto constatare con mio estremo rammarico che il vs. personale di bordo prende parte a tali operazioni, che a norma dell’art. 7 dello Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale vengono classificate come Crimini Contro l’Umanità.

Come ho avuto già modo di spiegare alla vs. collega al banco per l’assistenza, tre donne (a me ignote) della vs. crew hanno dato prova di conoscere il mio nome e fin dal momento in cui sono salito a bordo hanno iniziato a molestarmi e a minacciarmi di morte (anche durante la procedura con la quale vengono fornite informazioni sulla sicurezza durante il volo). Si tratta di forme di violenza che non vengono notate dagli altri poiché nulla di ciò che viene detto viene gridato, piuttosto sussurrato e – in alcuni casi – esplicitato esclusivamente per mezzo del movimento labiale. Ciò che le tre donne hanno più volte detto sono, oltre al mio nome di battesimo, le parole “muori” e “morirai”, pronunciate anche da altri stalkers. A differenza di quanto avvenuto il giorno prima sul volo […], i loro nomi e nazionalità, presenti sulle spillette usate dal vs. personale di bordo, erano stati di proposito coperti con foulards e giacche.

Ho volato molte volte con easyJet in passato e con la prenotazione […] ho speso […] euro per me e due membri della mia famiglia. In considerazione di quanto immediatamente denunciato, mi sarei aspettato di essere da voi prontamente ricontattato. Constato invece che dopo quasi due settimane non vi siete fatti sentire e ciò è un chiaro segno di complicità; altrimenti avreste subito preso le distanze da quanto commesso dalle vs. colleghe, che è – senza ombra di dubbio – molto grave.

Hostess

Il giorno dopo ho ricevuto dal Servizio Clienti un’email interlocutoria, nella quale – tra l’altro – il mio nome di battesimo era sbagliato. Probabilmente l’operatrice che l’ha scritta voleva comunicarmi in maniera subliminale che non mi conosceva affatto ed era estranea ai fatti contestati! Da subito ho però capito che, in questa vicenda, la compagnia non ha una gran voglia di interloquire e andare fino in fondo e, dato che i contatti stavano venendo meno, ieri sono tornato alla carica con un nuovo reclamo:

Faccio seguito al reclamo inviatovi in data 26/10/2017 a mezzo form di contatto e alla mie due email di sollecito e richiesta di riscontro inviatevi il 29/10/2017 ed il 6/11/2017 all’indirizzo team.specialisti@easyjet.com. A parte la risposta interlocutoria inviatami in data 27/10/2017 dalla sig.ra […] del Servizio Clenti, con la quale mi informava dell’inoltro del mio reclamo al dipartimento competente (n. pratica: […] – reference ID: […]), non ho più avuto notizie al riguardo.

Vi ricordo che dell’allarmante vicenda di cui sono stato vittima siete informati da un mese esatto, avendo sporto reclamo nel momento stesso in cui sono giunto all’aeroporto di destinazione presso il vs. desk per l’assistenza.

Attendo pertanto cortese e sollecito riscontro.

A riprova del fatto che non ero assolutamente prevenuto nei confronti di easyJet e non ho nulla contro le donne, faccio notare che il giorno precedente quello in cui si sono verificati gli eventi oggetto dei miei reclami ho provveduto ad informare la compagnia di un altro evento sgradevole, che in quel caso ha avuto come autore uno degli stalkers che mi assaltavano ripetutamente nell’aeroporto di Zurigo e come vittima una donna che lavorava per easyJet ai banchi del check-in. A mo’ di ringraziamento, ora il celebre vettore aereo mi ignora…

USA, diritti umani e sicurezza Obama-style

E’ ormai tempo di bilanci per l’Imperatore Obama. Il fatto che si faccia da parte al termine di questo suo secondo mandato non significa affatto né che egli sia (o sia stato) animato da sinceri intenti democratici né che il Paese che ha finora guidato sia una vera democrazia. Mi limiterò per il momento ad alcune considerazioni – suffragate da numeri e fatti e incentrate su diritti umani e sicurezza – sul fronte interno USA, riservandomi di aggiungerne a breve delle altre relative anche al fronte esterno.

Il discorso potrebbe prendere le mosse da una difficile condizione che riguarda circa 40 milioni di cittadini statunitensi, ma non il presidente USA, condizione che egli – per sua fortuna – vive in maniera totalmente diversa. Mi riferisco alla minoranza nera di quel Paese, i cui appartenenti tante speranze avevano riposto nell’elezione (avvenuta persino due volte consecutivamente) di un presidente nero. Inutile nasconderselo: quelle speranze sono state tradite. Oggi, negli USA, le probabilità per un nero di venire ucciso per mano della polizia sono molto più elevate che per un bianco. In particolare, nel 2015 i giovani neri di età compresa tra i 15 e i 34 anni hanno corso un rischio nove volte maggiore rispetto ai loro restanti coetanei di incappare in una morte violenta causata da una divisa. Alla fine dell’anno il tributo pagato da questo 2% della popolazione è stato pari al 15% sul totale dei morti ammazzati dalla polizia. Obama lascia pertanto al suo successore degli apparati di sicurezza e repressivi pervasi dal pregiudizio e dal razzismo e sembra non essersi affatto accorto che su Twitter è nato, a seguito di questa inaccettabile statistica, l’hashtag #BlackLivesMatter – giusto per non rievocare #PoliceBrutality!

In un suo articolo apparso il mese scorso sul Fatto Quotidiano, Stefano Feltri ha fatto riferimento alla città di Chicago e al carattere istituzionale del suo razzismo, che i giovani neri devono quotidianamente fronteggiare. Dalla scuola alla polizia, passando per il carcere, tutta la realtà è a loro avversa. Quella città è però tristemente nota anche per la presenza dell’Homan Square, un luogo di detenzione illegale, un black site gestito dal locale Dipartimento di Polizia, all’interno del quale cittadini statunitensi illegalmente trattenuti sono stati vittime di pestaggi, torture, uccisioni. Una versione domestica delle famigerate carceri segrete della CIA, diffuse in tutto il mondo e che sono state purtroppo ospitate anche da Paesi europei come Polonia e Romania. Facendo propria una logica certo cinica ma anche realistica, la domanda da porsi a questo punto è: se il centro di detenzione di Guantanamo, nonostante le promesse di Obama e le pressioni di parte dell’opinione pubblica internazionale, è ancora funzionante, perché mai l’attuale amministrazione USA si sarebbe dovuta prendere la briga di chiudere l’Homan Square, visto che su di esso sono puntati dei riflettori dalla luce molto più fioca?

Homan_Square

Se un cittadino statunitense è povero, ha la pelle scura o è politicamente attivo al di fuori dello schema bipolare, corre seri rischi di incappare in una detenzione illegale attuata da uno Stato che non solo non formula precisi capi d’accusa a suo carico, ma che non gli consente neanche di parlare con un avvocato. E’ questa forse la strada per far sì che si concretizzi il tanto sbandierato e inalienabile diritto alla felicità sancito dalla Costituzione USA? E di che risma di consiglieri si è circondato Obama, se Rahm Emanuel, attuale sindaco di Chicago, ma suo ex consigliere e Capo di gabinetto alla Casa Bianca per quasi due anni, ha avuto il coraggio di dichiarare che la polizia della sua città segue tutte le regole? Secondo The Guardian, nell’Homan Square dal 2004 al 2015 sono stati detenuti illegalmente oltre 3500 cittadini statunitensi, l’82% di questi aveva il colore della pelle di Obama e alcuni dei malcapitati avevano semplicemente guidato non facendo uso della cintura di sicurezza. Maneggiamo numeri e fatti da tragicommedia, ma abbiamo allo stesso tempo a che fare col Paese-faro dell’Occidente “evoluto”.

All’ombra del faro amministrato da Obama, però, non è riscontrabile solo una incontrollata ferocia poliziesca, ma anche, paradossalmente, un elevato tasso di violenza, che ben si estrinseca se si guarda al tasso di omicidi con arma da fuoco, 20 volte superiore a quello medio dell’area Ocse con l’esclusione del Messico. Il dato emerge da uno studio realizzato per Archivio Disarmo, studio che ci parla di un Paese che, al suo interno, vive una situazione non così dissimile dalla guerra, se è vero che vi sono 89 armi da fuoco ogni 100 abitanti e, per mezzo di esse, ogni giorno vengono uccise mediamente 36 persone. Se a ciò si aggiunge che il 50% di quest’ultimo dato è composto da appartenenti alla minoranza nera, si capisce come il fallimento di Obama al riguardo è perfino doppio. Data la situazione, si imponevano infatti drastici provvedimenti di riconversione industriale (in campo civile, gli Stati Uniti sono i più grandi esportatori e importatori di armi da fuoco). Un presidente di una sedicente democrazia la cui azione politica non riesce a tutelarne le minoranze è un presidente azzoppato. Se poi all’occasione incensa un personaggio del calibro di Martin Luther King e ne possiede persino un busto nello Studio Ovale della Casa Bianca, allora è anche un po’ ipocrita. L’unico miracolo di Obama è stato probabilmente quello di far lacrimare quel busto.