USA, strumenti di dominio imperiale e rivisitazioni linguistiche indotte

La verità è bene non nascondersela mai. E’ quindi triste ma altresì necessario dirsi che la stragrande maggioranza degli uomini e delle donne che abitano questo mondo non hanno contezza – poiché non informati o disinformati – dei rischi per nulla teorici a cui le loro vite sono esposte a causa del giogo imperiale USA. Perché non è un’esagerazione asserire che quando l’Imperatore prende una decisione, le conseguenze di questa si ripercuotono sull’umanità intera.

Nel proseguire, quindi, il bilancio sull’operato di Obama iniziato con il post precedente, cercherò di portare degli esempi concreti di messa in atto del giogo imperiale statunitense sulla popolazione mondiale.

Giusto per capire con chi è che abbiamo a che fare, è bene sottolineare ancora una volta che la violazione dei diritti umani è stata una costante dell’amministrazione Obama e non soltanto per le guerre proseguite o intraprese in giro per il mondo dall’indegno Premio Nobel per la Pace. Troppo poco si parla, ad esempio, delle armi di ultimissima generazione, che non mi risulta l’Imperatore abbia contrastato o dismesso e che possono – quando non utilizzate per uccidere – compromettere la restante vita di singoli soggetti, non a caso denominati targeted individuals (TIs). Già nel 2007 la giornalista del Washington Post Sharon Weinberger aveva reso noto, a seguito di una sua richiesta a norma del Freedom of Information Act (FOIA) all’amministrazione USA, che l’Air Force Research Laboratory aveva brevettato un’arma definita di tipo “psicologico”, atta ad inviare suoni e voci nella testa del soggetto-obbiettivo. Dal punto di vista tecnologico, nove anni sono un’eternità. I “progressi” e i perfezionamenti del dispositivo saranno pertanto stati inevitabili. Chiunque capisce che armi del genere costringono l’umanità a rivedere e riformulare il concetto di tortura, che potrà, a questo punto, essere perpetrata ovunque, eliminando il requisito – finora necessario ai fini della sua realizzazione – della detenzione. La segretezza che avvolge queste ricerche è massima; l’opinione pubblica non deve essere informata. A cosa sta veramente lavorando, ad esempio, l’agenzia del Dipartimento della Difesa USA denominata DARPA? Probabilmente a nulla di rassicurante. Ad essa, infatti, deve essere ascritta la messa a punto della smart dust, micro-computers dal volume inferiore al millimetro cubico, perfettamente autonomi, dotati di batteria e processore e in grado di spiare l’ambiente circostante, forti della loro invisibilità e inafferrabilità.

Darpa - Brain Computer Interface

E’ inoltre bene non dimenticare che Obama è colui il quale ha dato il via (ufficialmente nel 2013) al progetto BRAIN (Brain Research Through Advancing Innovative Neurotechnologies). Gli intenti sono chiari e ben diversi da quelli dichiarati; in particolare sono non-pacifici, nel vero senso della locuzione, visto che Pentagono e DARPA sono della partita. Il coinvolgimento dei militari nel progetto in questione si spiega solo ed esclusivamente con l’irrefrenabile volontà di dominio da parte dell’amministrazione USA sui nostri cervelli e quindi sulle nostre vite. Gli ingredienti per un futuro fatto di repressione, annichilimento, omologazione e controllo ci sono tutti e lo chef è sempre lui: Barack Obama.

Nei suoi otto anni di dominio incontrastato, l’Imperatore ha inoltre continuato a redigere e a tenere aggiornata, come ogni suo predecessore, la sua kill list, un elenco di condannati a morte di respiro internazionale – tanto per far capire chi è che comanda sul pianeta! Ovviamente anche questa, come altre notizie, è debitamente occultata e non messa in risalto dai media mainstream, che altrimenti finirebbero col far bene il loro mestiere, informando un’opinione pubblica prevalentemente assopita e che così realizzerebbe che in giro per il mondo ci sono satrapi e dittatori che non si concedono siffatti efferati lussi.

Armi di ultimissima generazione, progetto BRAIN, kill list: come si vede, l’amministrazione Obama non ha solo puntato sulla guerra come classico strumento di prevaricazione in ambito internazionale, ma ne ha edificato un nuovo tipo, da dichiarare contro i singoli individui, i civili in particolare, non importa quale suolo essi calchino. La prospettiva è talmente temibile e la sproporzione di forze è tale che occorre seriamente ragionare sull’uso che facciamo delle parole. Si tratta veramente di guerra? O è qualcosa di nuovo e inedito (comunque barbarico e violento)? La versione online del dizionario Hoepli della lingua italiana definisce così la guerra: “conflitto armato tra Stati o popoli […] combattuto sul territorio di uno o più contendenti“. Come si vede, la definizione non è calzante poiché: 1) nel caso in esame vi è un solo Stato; 2) non contempla la possibilità che uno dei due contendenti sia un individuo. Decisamente più calzante, invece, la definizione di terrorismo, la quale fa riferimento ad “atti di violenza destinati […] a creare tensione e insicurezza tra la popolazione“; e quella non comune parla di “sistema di governo fondato su mezzi repressivi e violenti contro gli avversari politici“.

Non è quindi insensato sostenere che questa guerra, rivisitata nei metodi e mezzi usati e caratterizzata da gerarchie soverchianti, è una nuova forma di terrorismo di Stato che riflette una strategia della tensione internazionale che purtroppo è già manifesta tra noi, anche per mezzo di bombe e attentati – terroristici, appunto. Il prezzo da pagare non è o non sarà solo il sangue versato o da versare, ma anche buona parte delle libertà e dei diritti civili dei quali godiamo, ma ai quali abbiamo dimostrato di non tenere. Sarebbero stati necessari un maggiore attivismo sociale e un atteggiamento più guardingo nei confronti dei governanti e del potere, invece è da oltre trent’anni che ci limitiamo a delegare (leggi: votare) dei signori che all’inizio non facevano tout-court i nostri interessi ed ora cercano deliberatamente di affossarci, sia quando non ci vogliamo conformare ai loro desiderata, sia quando siamo semplicemente d’intralcio ai loro mortiferi progetti.

 

USA, diritti umani e sicurezza Obama-style

E’ ormai tempo di bilanci per l’Imperatore Obama. Il fatto che si faccia da parte al termine di questo suo secondo mandato non significa affatto né che egli sia (o sia stato) animato da sinceri intenti democratici né che il Paese che ha finora guidato sia una vera democrazia. Mi limiterò per il momento ad alcune considerazioni – suffragate da numeri e fatti e incentrate su diritti umani e sicurezza – sul fronte interno USA, riservandomi di aggiungerne a breve delle altre relative anche al fronte esterno.

Il discorso potrebbe prendere le mosse da una difficile condizione che riguarda circa 40 milioni di cittadini statunitensi, ma non il presidente USA, condizione che egli – per sua fortuna – vive in maniera totalmente diversa. Mi riferisco alla minoranza nera di quel Paese, i cui appartenenti tante speranze avevano riposto nell’elezione (avvenuta persino due volte consecutivamente) di un presidente nero. Inutile nasconderselo: quelle speranze sono state tradite. Oggi, negli USA, le probabilità per un nero di venire ucciso per mano della polizia sono molto più elevate che per un bianco. In particolare, nel 2015 i giovani neri di età compresa tra i 15 e i 34 anni hanno corso un rischio nove volte maggiore rispetto ai loro restanti coetanei di incappare in una morte violenta causata da una divisa. Alla fine dell’anno il tributo pagato da questo 2% della popolazione è stato pari al 15% sul totale dei morti ammazzati dalla polizia. Obama lascia pertanto al suo successore degli apparati di sicurezza e repressivi pervasi dal pregiudizio e dal razzismo e sembra non essersi affatto accorto che su Twitter è nato, a seguito di questa inaccettabile statistica, l’hashtag #BlackLivesMatter – giusto per non rievocare #PoliceBrutality!

In un suo articolo apparso il mese scorso sul Fatto Quotidiano, Stefano Feltri ha fatto riferimento alla città di Chicago e al carattere istituzionale del suo razzismo, che i giovani neri devono quotidianamente fronteggiare. Dalla scuola alla polizia, passando per il carcere, tutta la realtà è a loro avversa. Quella città è però tristemente nota anche per la presenza dell’Homan Square, un luogo di detenzione illegale, un black site gestito dal locale Dipartimento di Polizia, all’interno del quale cittadini statunitensi illegalmente trattenuti sono stati vittime di pestaggi, torture, uccisioni. Una versione domestica delle famigerate carceri segrete della CIA, diffuse in tutto il mondo e che sono state purtroppo ospitate anche da Paesi europei come Polonia e Romania. Facendo propria una logica certo cinica ma anche realistica, la domanda da porsi a questo punto è: se il centro di detenzione di Guantanamo, nonostante le promesse di Obama e le pressioni di parte dell’opinione pubblica internazionale, è ancora funzionante, perché mai l’attuale amministrazione USA si sarebbe dovuta prendere la briga di chiudere l’Homan Square, visto che su di esso sono puntati dei riflettori dalla luce molto più fioca?

Homan_Square

Se un cittadino statunitense è povero, ha la pelle scura o è politicamente attivo al di fuori dello schema bipolare, corre seri rischi di incappare in una detenzione illegale attuata da uno Stato che non solo non formula precisi capi d’accusa a suo carico, ma che non gli consente neanche di parlare con un avvocato. E’ questa forse la strada per far sì che si concretizzi il tanto sbandierato e inalienabile diritto alla felicità sancito dalla Costituzione USA? E di che risma di consiglieri si è circondato Obama, se Rahm Emanuel, attuale sindaco di Chicago, ma suo ex consigliere e Capo di gabinetto alla Casa Bianca per quasi due anni, ha avuto il coraggio di dichiarare che la polizia della sua città segue tutte le regole? Secondo The Guardian, nell’Homan Square dal 2004 al 2015 sono stati detenuti illegalmente oltre 3500 cittadini statunitensi, l’82% di questi aveva il colore della pelle di Obama e alcuni dei malcapitati avevano semplicemente guidato non facendo uso della cintura di sicurezza. Maneggiamo numeri e fatti da tragicommedia, ma abbiamo allo stesso tempo a che fare col Paese-faro dell’Occidente “evoluto”.

All’ombra del faro amministrato da Obama, però, non è riscontrabile solo una incontrollata ferocia poliziesca, ma anche, paradossalmente, un elevato tasso di violenza, che ben si estrinseca se si guarda al tasso di omicidi con arma da fuoco, 20 volte superiore a quello medio dell’area Ocse con l’esclusione del Messico. Il dato emerge da uno studio realizzato per Archivio Disarmo, studio che ci parla di un Paese che, al suo interno, vive una situazione non così dissimile dalla guerra, se è vero che vi sono 89 armi da fuoco ogni 100 abitanti e, per mezzo di esse, ogni giorno vengono uccise mediamente 36 persone. Se a ciò si aggiunge che il 50% di quest’ultimo dato è composto da appartenenti alla minoranza nera, si capisce come il fallimento di Obama al riguardo è perfino doppio. Data la situazione, si imponevano infatti drastici provvedimenti di riconversione industriale (in campo civile, gli Stati Uniti sono i più grandi esportatori e importatori di armi da fuoco). Un presidente di una sedicente democrazia la cui azione politica non riesce a tutelarne le minoranze è un presidente azzoppato. Se poi all’occasione incensa un personaggio del calibro di Martin Luther King e ne possiede persino un busto nello Studio Ovale della Casa Bianca, allora è anche un po’ ipocrita. L’unico miracolo di Obama è stato probabilmente quello di far lacrimare quel busto.